13. Paolo e le sue epistole

 

1. "Egli ci ha riscossi  [?] e ci ha trasportati nel regno del suo amato Figliuolo, nel quale abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati"

a) dalla potestà delle tenebre

b) dalla mano dell'avversario

c) da questo presente secolo malvagio

 

2. "Poiché v'è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, il quale [?]; fatto che doveva essere attestato a suo tempo, e per attestare il quale io fui costituito banditore ed apostolo (io dico il vero, non mentisco), dottore dei Gentili in fede e in verità"

a) diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti

b) offrì se stesso per i nostri peccati

c) diede se stesso per liberarci dalla maledizione della legge

 

3. "Ma lo Spirito dice espressamente che nei tempi a venire [?], dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demonî per via della ipocrisia di uomini che proferiranno menzogna, segnati di un marchio nella loro propria coscienza; i quali vieteranno il matrimonio e ordineranno l'astensione da cibi che Dio ha creati affinché quelli che credono e hanno ben conosciuta la verità, ne usino con rendimento di grazie"

a) alcuni apostateranno dalla fede

b) alcuni si svieranno dalla verità

c) moltissimi credenti apostateranno dalla fede

 

4. "Rappresentando queste cose ai fratelli, tu sarai [?], nutrito delle parole della fede e della buona dottrina che hai seguita da presso"

a) un buon ministro di Cristo Gesù

b) un fedele e santo uomo di Dio

c) un ministro del Vangelo irreprensibile

 

5. "Per questa ragione ti ricordo di ravvivare [?] che è in te per la imposizione delle mie mani"

a) il dono di Dio

b) il dono dello Spirito Santo

c) il ministerio di apostolo

 

6. "L'uomo settario, dopo [?], schivalo, sapendo che un tal uomo è pervertito e pecca, condannandosi da sé"

a) una prima e una seconda ammonizione

b) una severa ammonizione

c) una pubblica ammonizione

 

7. "Poiché il vescovo bisogna che sia irreprensibile, come economo di Dio; non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non manesco, non cupido di disonesto guadagno, ma ospitale, amante del bene, assennato, giusto, santo, temperante, attaccato alla fedel Parola quale gli è stata insegnata, onde sia capace d'esortare nella sana dottrina e di convincere i contradittori. Poiché vi son molti ribelli, cianciatori e seduttori di menti, specialmente fra quelli della circoncisione, ai quali bisogna turar la bocca; uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, [?]" 

a) per amor di disonesto guadagno

b) per invidia

c) per vanagloria

 

 

 

----------Chiave----------

 

1. (a)

2. (a)

3. (a)

4. (a)

5. (a)

6. (a)

7. (a)

 

 

Indice